Previous Page  9 / 50 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 9 / 50 Next Page
Page Background

Tra i numerosi modelli di classificazione delle emozioni prodotti

negli ultimi anni, particolarmente utile ai nostri fini si è rivelato il

Geneva Affect Label Coder

elaborato da Klaus R. Scherer presso il

Swiss Centre for Affective Sciences

4

, che, piuttosto che vincolarsi a

una specifica teoria psicologica, propone “a pragmatic solution”, indi-

viduando 36 stati emozionali comunemente riconosciuti nel lessico di

alcune lingue naturali (inglese, francese, tedesco). Di tali stati emozio-

nali sono stati selezionati quelli riconducibili ai quattro ambiti fonda-

mentali (

gioia

,

affliz ione

,

paura

,

ira

), individuati come tali in quasi

tutte le ricerche sulle emozioni primarie, nonché negli studi sul lessico

delle emozioni delle lingue neolatine

5

. Sono stati quindi confrontati

con i principali modelli di classificazione degli affetti sviluppati nella

tradizione filosofica classica e cristiana, riscontrando una sostanziale

corrispondenza. Sono state così individuate 16

emoz ion i

distribuite in

quattro grandi categorie emozionali, definite secondo la terminologia

agostiniana (probabilmente il modello più influente sulla cultura tro-

badorica):

Tristitia

,

Laetitia

;

Timor

,

Ira.

A queste si è aggiunta la cate-

goria della

Cupiditas

‘Desiderio’ (in cui sono state distinte quattro

manifestazioni affettive), che, benché non rappresenti propriamente

un’emozione (ma tale era per parte della tradizione classico-cristiana),

svolge senza dubbio un ruolo fondamentale nella rappresentazione

dell’affettività e della psicologia cortese.

LAETITIA TRISTITIA TIMOR

IRA

CUPIDITAS

Conforto

Dispiacere

Soggezione

Sdegno

Speranza

Divertimento Afflizione

Vergogna

Ira

Pietà

Felicità

Disperazione Paura

Crudeltà/Odio Desiderio

Piacere

Dolore

Sconcerto

Amore

Angoscia

8

4

K. R. Scherer,

What are emotions? And how can they be measured?

, in “Social Science

Information” (2005), 44 (4), pp. 693-727, che è stato utilizzato anche ai fini della definizione

del quadro teorico.

5

Cfr. D. Galati, B. Sini,

Les mots pour dire les émotions: recherche sur la structure du lexi-

que émotionnel italien

, “Révue de sémantique et pragmatque”, 4 (1998), pp. 13-30; D.

Galati, B. Sini,

Les structures sémantiques du lexique français des émotions

, in C. Plantin, M.